Consigli per Pasqua a Trieste… indoor

Ho scritto questo post venerdì 10 aprile 2020, nel 31esimo giorno di quarantena.

Pasqua 2022 per fortuna la potremo festeggiare liberamente e all’aria aperta, ma… sappiamo che in questo periodo il meteo può non essere collaborativo! Ecco allora che queste proposte possono restare utili se in questi giorni rimarremo a casa per il brutto tempo… chi l’ha detto che non è possibile festeggiare comunque seguendo la tradizione?

Pasqua triestina “fatta in casa”

Dopo la pasta, il pane e la pizza fatti in casa, in questi giorni molti triestini si stanno mettendo alla prova con la preparazione della pinza, uno dei dolci pasquali per eccellenza.

La conosci? È una sorta di “pagnotta” soffice, profumata, da mangiare assieme ai pezzi delle uova di cioccolato… o con il prosciutto cotto come lo facciamo qui, tagliato a mano!

La lavorazione richiede un procedimento lungo, come le cose buone di una volta e penso che proprio per questo nessuno o quasi la preparava in casa da chissà quanto tempo.

Mio papà è stato panettiere e mi racconta che un bel po’ di anni fa tutti la preparavano in casa, per la propria famiglia e per regalarla ad amici e conoscenti. Però non c’era il forno in casa, e per questo le donne portavano le loro pinze a cuocere dal fornaio (e qualche volta il professionista faceva un intervento di recupero all’insaputa della massaia, per salvare le pinze casalinghe da insuccesso e sicura delusione!)

Se vuoi sperimentare anche tu ti consiglio la ricetta di Rita sul suo blog “Saporita”, la puoi leggere qui, cliccando sul titolo:

La Pinza, ovvero alla ricerca della ricetta ideale

E a Pasquetta?

Una delle tradizioni irrinunciabili di Pasquetta è la scampagnata che finisce in una osmiza in Carso, dove nel cortile di casa di contadini e vignaioli si possono mangiare formaggio e salumi fatti in casa, accompagnati da vino locale.

Per conoscere quali sono aperte consulta il calendario delle osmize
Se il meteo è inclemente… ci si può ispirare all’idea durante il lockdown: grazie al “morbin” (lo spirito goliardico e godereccio) che caratterizza i triestini e una certa filosofia di vita, c’è chi ha organizzato il flashmob “osmiza in pergolo” (pergolo = balcone) con tanto di premio per la foto migliore. D’obbligo la tovaglia a quadretti, la frasca con la freccia, uova sode, un tagliere con salumi e formaggio, pane da affettare!

osmiza-trieste-guida-bora-sabina-viezzoli

Ma Se splende il sole e ti va una camminata… guarda cosa ti propongo per passarla nel verde: VAI AI MIEI CONSIGLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: