Le mostre da vedere a Trieste oggi: arte, fotografia, design, illustrazione, scienza…

Le mostre a Trieste da vedere oggi, in estate del 2024!

Durante l’estate del 2024 a Trieste puoi visitare diverse esposizioni temporanee che tra arte, design e illustrazione, fotografia, scienza sono certa ti daranno un motivo in più per decidere di trascorrere qualche giorno nella mia città meravigliosa.

Questi gli eventi che segnalo per questo periodo, cui se ne aggiungeranno altri per il resto dell’anno (questa pagina è in continuo aggiornamento):

Io non scendo – Donne che salgono sugli alberi e guardano lontano

Io non scendo mostra donne che si arrampicano sugli alberi trieste estate 2024

Donne fotografate in cima a un albero sono il soggetto delle più di 250 fotografie anonime esposte in questa particolare mostra che raccoglie immagini di varie epoche, paesi e situazioni, tutte però accomunate dallo stesso punto di vista.

Accanto alle foto, le storie di quindici donne celebri – scrittrici, alpiniste, personaggi letterari, attrici… – che attraverso racconto, immagini e testimonianze rafforzano il significato simbolico e di libertà che salire sugli alberi rappresenta e ha rappresentato per le donne.

La mostra Io non scendo è curata da Laura Leonelli, giornalista e scrittrice, e appassionata collezionista di fotografie anonime.

Informazioni per la tua visita
Orari:
da martedì a domenica 10.00-19.00 fino al 25 agosto 2024
lunedì chiuso – apertura straordinaria il 15 agosto 2024
Dove: Magazzino delle Idee, Corso Cavour 2, Trieste

Per maggiori informazioni, costo di biglietti e riduzioni, consulta il sito ufficiale

Illustratori nella Venezia Giulia

mostra illustratori venezia giulia a trieste museo istriano estate 2024
Vito Timmel – Saturnia – anni Venti. Foto IRCI

Leopoldo Metlicovitz e Marcello Dudovich, triestini, e tanti altri maestri che hanno dato un fondamentale contributo a livello nazionale e internazionale per la nascita del manifesto “moderno” rendono questa mostra un viaggio che testimonia più direzioni: quella dei percorsi artistici, che vedono nascere l’illustrazione e la cartellonistica come “nuova arte”, aprendo il “Novecento che dal liberty viaggerà verso il decó, visiterà le avanguardie e troverà lezione nel futurismo, nel costruttivismo, fino a giungere all’astratto e, in qualche modo chiudersi, nella pop art”.

Quello delle aziende e dell’evoluzione dei loro marchi e prodotti, molti dei quali parte della vita quotidiana e dell’immaginario pubblico dei loro tempi.

E quello della storia della Venezia Giulia, regione che ormai non esiste (quasi) più, dopo che i confini tracciati alla fine della Seconda Guerra Mondiale hanno tolto l’Istria all’Italia.

Una mostra da vedere, quindi, che offre materiali molto interessanti a chi apprezza la parte artistica, a chi quella storica, e a chi è attento alla dimensione sociale e culturale testimoniata dai consumi e dalle “réclame” che hanno segnato un’epoca.

Informazioni per la visita
Dove: nella sala al piano terra dell’IRCI/Museo della Cultura Istriana Fiumana e Dalmata di via Torino 8, Trieste
Orari: aperta fino a domenica 8 settembre tutti i giorni con orario 10.30-12.30 e 16.30-18.30
Ingresso gratuito

Per maggiori informazioni vai al sito ufficiale

Un Tesoro ritrovato. Banditi e carovane sul Carso nel Medioevo 

tesoro ritrovato mostra monete carovane briganti carso triestino museo winkelmann trieste estate 2024Più di 1700 monete d’argento del Trecento scoperte nel 1921 in alcuni vasi di terracotta nel Carso triestino: pronti a vedere il tesoro di Erpelle?

Composto inizialmente da più di cinquemila monete d’oro e argento, il tesoro di Erpelle è uno dei maggiori esempi di tesaurizzazione dei banditi medievali.
Le diverse valute di cui è composto rivelano uno spaccato della vivacità economica e monetaria nell’Europa centrale e orientale del XIV secolo, e dà agli esperti indicazioni molto utili per lo studio dei rapporti mercantili e degli scambi commerciali; questi avvenivano attraverso l’area alpina e quella balcanica lungo le rotte che portavano ai porti dell’Adriatico settentrionale, dai quali i prodotti venivano poi venduti in tutta Europa.

La mostra ci permette inoltre di conoscere anche la storia del tesoro, della suo scoperta e poi della sua “sparizione”, fino al suo ritrovamento in tempi più recenti… e la messa in esposizione di cui possiamo godere: viene infatti esposto per la prima volta proprio in questa occasione.

Non solo: ci dà anche la possibilità di conoscere racconti e leggende – con un buon fondo di verità! – sul contrabbandiere Dobrilla, cui si lega il tesoro trovato a Erpelle.
E ancora… la visita alla mostra aprirà un vero e proprio mondo di tesori e stupendi reperti storici e archeologici conservati in questo museo forse poco noto di Trieste, che conserva testimonianze del territorio e di chi lo ha abitato dalla preistoria in poi.

Da sapere per la visita

Mostra aperta fino al 29 settembre 2024
Orario: da martedì a domenica, dalle 10 alle 17
Dove: Museo d’Antichità “J.J. Winckelmann”
Piazza della Cattedrale 1, Trieste
Ingresso libero
www.museoantichitawinckelmann.it

“Amazônia” di Sebastião Salgado

mostra fotografia sebastiano salgao amazzonia a trieste

Al Salone degli Incanti affascina e coinvolge la mostra che attraverso le immagini di Salgado vuole offrire un’immersione totale nella foresta amazzonica.

Più di 200 le fotografie esposte, che ritraggono la vegetazione, i fiumi, le montagne e le persone che popolano la foresta amazzonica, per far vivere un’immersione nella foresta e compiere un viaggio attraverso le culture dei popoli che la abitano, per un’esperienza alla scoperta dell’Amazzonia.

La mostra è accompagnata dalla traccia audio appositamente composta dal musicista francese Jean-Michel Jarre.

Resterà aperta fino al 13 ottobre 2024

Dove: Salone degli Incanti, Riva Nazario Sauro 1 – Trieste

ORARI
Fino al 13 ottobre 2024
Aperta da Lunedì a Domenica dalle 11.00 alle 20.00
(la biglietteria chiude alle 19.00)
Martedì chiuso

Per prenotazioni, costi dei biglietti e altre informazioni:
https://salgadoamazonia.it/

Per conoscere Trieste…

bora bitta molo audace triesteSe pensi alla Bora, il celebre vento, immagina la città come se fosse un museo a cielo aperto che la racconta: le rive, le vie del centro, le piazze e le viuzze della città vecchia sono il percorso da seguire assieme ai refoli per conoscere questo fenomeno naturale e le sue manifestazioni.

Solo aiutati dalla Guida, però, è possibile “vedere” quello che altrimenti sfugge se non si sa cosa guardare. Ecco allora che piccoli indizi, segni sotto agli occhi di tutti ma che normalmente passano inosservati prendono vita, diventano segreti svelati, si scoprono testimonianze di eventi quotidiani, “reperti” di vissuti condivisi dagli abitanti, curiosità e storie da raccontarsi.

Per “leggere” Trieste attraverso la Bora in occasione della tua visita alle mostre… metti in agenda il trekking urbano che si tiene regolarmente tutto l’anno, su richiesta in forma privata o in una delle date a calendario!
LEGGI QUI PER SAPERNE DI PIÙ

Per scoprire il Carso…

trekking-escursione-guidata-in-carso-di-una-giornata-sabina-viezzoli-guida-della-bor
Se sei alla ricerca di idee per conoscere il Carso, nei dintorni di Trieste e fare una bella passeggiata, clicca qui e dai un’occhiata anche alla pagina con il calendario delle escursioni in piccolo gruppo

 

 iscriviti alla newsletter per conoscere le prossime date in anteprima:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

6 risposte a “Le mostre da vedere a Trieste oggi: arte, fotografia, design, illustrazione, scienza…”

    1. Mi fa piacere Paola! ti ringrazio; le segnalazioni sono costantemente aggiornate… torna su questa pagina per seguire gli eventi a Trieste! :)

  1. Da qualche anno Trieste è la città meta delle mie vacanze estive. Come potrebbe essere diversamente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.